Si definisce Infezione Batterica Invasiva “un’infezione con accertato isolamento batterico nel sangue o nel liquor”. Le malattie batteriche invasive (meningiti, sepsi, polmoniti batteriemiche ed altri quadri clinici con isolamento di batteri da siti normalmente sterili) rappresentano una importante causa di morbosità, e sono caratterizzate da una elevata frequenza di gravi complicanze.
Dal punto di vista clinico, tali malattie presentano una sintomatologia scarsamente specifica per singolo agente eziologico. L'accertamento della loro eziologia è quindi di estrema importanza, non solo ai fini terapeutici e per la eventuale profilassi dei contatti, ma anche per quanto riguarda la loro prevenzione primaria.

Eurospital ha recepito nel complesso le indicazioni espresse dal Ministero della Salute, nel progetto “Diagnosi e sorveglianza di Malattie Batteriche Invasive”, sviluppando un sistema in RealTime PCR in grado di identificare tutti gli agenti eziologici oggetto di monitoraggio ed indicati dal Ministero quali maggiori responsabili di questo tipo di patologia, in particolare: Neisseria meningitidis, Streptococcus pneumoniae, Haemophilus influenzae, Lysteria monocotogenes, Streptococcus agalatiae.

Il sistema sviluppato in collaborazione con l’Istituto Meyer di Firenze, è in grado di rilevare la presenza di DNA appartenente a microrganismi responsabili di oltre il 90% delle malattie batteriche invasive e di monitorare l’efficacia della vaccinazione per i patogeni oggetto di strategie vaccinali.


La rapidità dell’accertamento di questi agenti patogeni permette inoltre di effettuare un efficace controllo sull’impatto mass-mediatico, evitando le situazioni di panico associate a meningite e patologie similari.

I metodi colturali fino ad oggi considerati il gold-standard per la diagnosi presentano alcuni punti di debolezza: innanzitutto necessitano della presenza di germi vivi e ben vitali e di conseguenza possono risultare falsamente negativi in soggetti nei quali il trattamento antibiotico è stato iniziato prima della coltura, sono poi fortemente dipendenti dal volume di campione prelevato (e questo in età pediatrica è un serio problema), così come dalla rapidità del trasporto dei campioni e dell’esecuzione del test dopo il prelievo. Un problema non meno grave è che tali metodi possono richiedere molti giorni prima che un campione venga refertato come negativo oppure, nei casi di lenta crescita, possono essere necessari molti giorni prima di concludere che probabilmente si tratta di un risultato falsamente positivo per contaminazione.

SORVEGLIANZA NAZIONALE DELLE MALATTIE INVASIVE DA MENINGOCOCCO, PNEUMOCOCCO ED EMOFILO IN ITALIA
Paola Mastrantonio, Paola Stefanelli, Maria Cerquetti, Annalisa Pantosti,
Maria Ciofi degli Atti et al. Istituto Superiore di Sanità, Roma

I metodi che si basano sulla biologia molecolare non necessitano di germi vivi, pertanto non presentano le limitazioni di sensibilità tipiche dei metodi colturali. Per questo motivo tali metodi possono risultare estremamente efficaci in pazienti che abbiano già ricevuto terapia antibiotica, non risentono inoltre della rapidità del trasporto (tanto che i campioni possono essere conservati a temperatura ambiente anche alcuni giorni) ed infine non richiedono alcun terreno di coltura. Inoltre hanno altissima sensibilità e specificità e massima rapidità di esecuzione.

I kit sono stati disegnati per ottenere la più alta sensibilità e specificità nella determinazione della maggior parte delle malattie batteriche invasive (meningiti, sepsi, polmoniti, ecc.) utilizzando direttamente campioni biologici quali sangue, liquor, liquido pleurico, liquido sinoviale o qualunque altro liquido o materiale biologico umano normalmente sterile.

> EuSepScreen Lattanti® - cod. 9144/9174
> EuSepScreen® - cod. 9145/9175

Caratteristiche generali del sistema EuSepscreen

  • Tecnologia Real Time PCR multiplex
  • Reagenti pronti all’uso e conservabili a 2-8 °C
  • Confezionamento per il singolo paziente, ideale per le urgenze
  • Si esegue su qualsiasi tipo di campione biologico
  • Protocolli termici comuni ai due sistemi
  • Validati anche con protocollo FAST
  • Risultati in sole 2/3 ore dall’arrivo del campione in laboratorio
  • Il campione non richiede particolari condizioni di trasporto e conservazione
  • E’ presente un controllo interno di amplificazione genomica ed inibizione
  • Non risente della terapia antibiotica eventualmente intrapresa
  • 100% di specificità per i patogeni ricercati

Eurospital Spa - Via Flavia 122 - 34147 Trieste - P.IVA: 00047510326 - C.S. € 2582000 CF e Reg. Impr. 00047510326 - REA TS 38955
Eurospital © 2018 - Privacy - Site credits